• IDEAS

Cosa serve per fare L'ECO SISMA BONUS e chi può usufruirne?

Aggiornato il: gen 21



Come previsto dalla normativa nazionale, possono essere incaricati tutti professionisti iscritti ai relativi Ordini o Collegi professionali che possono svolgere tali incarichi nei limiti delle rispettive competenze professionali, ad es.: ingegneri, architetti.

I passaggi sono:

· Classificazione dell’edificio

· Progetto dell’intervento

· Nuova verifica della classe raggiunta


Tali passaggi richiedono le seguenti asseverazioni/attestazioni del miglioramento sismico dell’edificio:


Il progettista dell’intervento strutturale assevera la classe di rischio prima dell’intervento e quella conseguibile a seguito dell’esecuzione dell’intervento progettato.

Detta asseverazione, unitamente al progetto di intervento (redatto in conformità alle Norme Tecniche delle Costruzioni), è allegata alla Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA).


Trattandosi di interventi in zona sismica sarà necessario, prima dell’inizio dei lavori, ricevere l’autorizzazione di cui all’articolo 94 del DPR 380/2001, oltre alla denuncia degli stessi prevista dall’articolo 93 del medesimo DPR.


Il Direttore del Lavori e il Collaudatore, ove nominato per legge, attestano la conformità degli interventi eseguiti rispetto al progetto depositato presso lo Sportello Unico.


Sia l’asseverazione del progettista, che le attestazioni del Direttore dei Lavori e del Collaudatore devono essere depositate presso lo Sportello Unico e consegnate in copia al Committente ai fini dell’ottenimento dei benefici fiscali.


Possono usufruire del beneficio, ai sensi di legge, i soggetti IRPEF e IRES che sostengono le spese per l’intervento di riqualificazione energetica e/o per gli interventi antisismici e detengono il bene immobile in base ad un titolo idoneo:


• proprietario o nudo proprietario

• titolare di un diritto reale di godimento

• comodatario (con consenso del proprietario)

• locatario o utilizzatore in leasing (con consenso del proprietario)


• familiare convivente con il proprietario o detentore e il convivente non proprietario né titolare di un contratto di comodato (per immobili a destinazione abitativa)


• acquirente dell’immobile (oggetto di riqualificazione) per le quote di detrazione residue.

• istituti autonomi, case popolari (IACP) o enti aventi le medesime finalità e le cooperative a proprietà indivisa per gli interventi su immobili adibiti a edilizia residenziale pubblica

• le società immobiliari per gli interventi effettuati su immobili concessi in locazione

22 visualizzazioni
CONTACT
  • Facebook - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle

Ideàs srl

Via Bergamo 12/a - 20135 Milano (Italy)

info@ideas.archi   -   ideas_srl@pec.it

+39  024 538 8307   -   +39  024 538 8306

p.iva 09137750965

© 2020 by Ideàs srl